Seconda edizione contributi regionali a MPMI di commercio, ristorazione, terziario, artigianato

Il Comune di Somma Lombardo, in data 27 luglio 2020, ha emanato il “Bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato nell’ambito del bando regionale “Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana”.

Poiché le richieste ricevute con riferimento al suddetto bando non hanno esaurito le risorse complessivamente disponibili, il presente provvedimento viene emanato in continuità con il bando precedente, mettendo a disposizione le risorse residue pari a € 37.839,56 al fine di perseguire nella misura massima possibile gli obiettivi di Regione Lombardia e del Distretto del Commercio “Malpensa Nord Ticino” inerenti lo sviluppo delle attività economiche del territorio.

1. OBIETTIVI

Regione Lombardia e il Comune di Somma Lombardo, nell’ambito del progetto “Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana” intendono, con il presente bando, favorire la ripartenza delle attività economiche ed i servizi a utenti e visitatori e l’avvio di nuove attività nei Comuni del Distretto del Commercio “Malpensa Nord Ticino”, avendo particolare attenzione alla necessità, da un lato, di garantire diversi e più alti standard di sicurezza e protezione dei lavoratori e dei consumatori, dall’altro, di riqualificare l’attività e adottare modalità alternative di organizzazione delle vendite (anche attraverso strumenti innovativi e digitali) che tengano conto del mutato contesto in cui le imprese si troveranno ad operare.

2. SOGGETTI BENEFICIARI

Possono essere beneficiari di contributo le micro, piccole o medie imprese (MPMI) del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato (singole, in partenariato o costituite in Rete di Imprese), localizzate all’interno del Distretto del Commercio “Malpensa Nord Ticino”, il cui perimetro coincide con l’intero territorio dei comuni di Angera, Golasecca, Mercallo, Mornago, Sesto Calende, Somma Lombardo, Taino, Varano Borghi, Vergiate.

Possono partecipare anche le MPMI che hanno fatto domanda a valere sul primo bando citato in premessa, purché presentando nuove spese (fatture) diverse da quelle presentate e ammesse nel bando precedente.

Sono escluse dal bando le imprese che svolgono, nell’unità locale presso cui vengono realizzati gli interventi oggetto di contributo, attività primaria, risultante dalla visura camerale, di cui ai seguenti codici ATECO:

  1. 92.00 Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco
  2. 92.00.02 Gestione di apparecchi che consentono vincite in denaro funzionanti a moneta o a gettone
  3. 92.00.09 Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse

3. REQUISITI DEI SOGGETTI BENEFICIARI

È ammessa la partecipazione di imprese che soddisfino i seguenti requisiti:

  1. Essere MPMI ai sensi dell’allegato 1 del Reg. UE n. 651/2014;
  2. Essere iscritte al Registro delle Imprese e risultare attive;
  3. Disporre di una unità locale collocata all’interno dell’ambito territoriale del Distretto del Commercio che soddisfi almeno una delle seguenti condizioni:
    • Svolgere attività di ristorazione, somministrazione o vendita diretta al dettaglio di beni o servizi, con vetrina su strada o situata al piano terreno degli edifici;
    • Fornire servizi tecnologici innovativi di logistica, trasporto e consegna a domicilio alle imprese del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato che coprano in tutto o in parte il territorio del Distretto del Commercio;
  4. Non avere alcuno dei soggetti di cui all’art. 85 del D.Lgs. 6 settembre 2011 n. 159 (c.d. Codice delle leggi antimafia) per il quale sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art. 67 del citato D.Lgs.;
  5. Con riferimento al regime “De minimis”, non rientrare nel campo di esclusione di cui all’art. 1 del Regolamento (UE) 1407/2013;

Sono ammissibili aspiranti imprenditori che soddisfino i seguenti requisiti:

  1. Non avere cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art. 67 del D.Lgs. 6 settembre 2011 n. 159 (c.d. Codice delle leggi antimafia);
  2. Avviare, prima della presentazione della domanda di contributo, una attività economica che soddisfi i requisiti sopra previsti.

I requisiti di ammissibilità devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda, con l’eccezione dell’unità locale all’interno del territorio del Distretto, che deve essere posseduta alla data di richiesta di erogazione.

In fase di erogazione finale del contributo, le imprese beneficiarie dovranno essere in regola con gli obblighi contributivi, come attestato dal Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC). In caso di accertata irregolarità in fase di erogazione, verrà trattenuto l’importo corrispondente all’inadempienza e versato agli enti previdenziali e assicurativi, ai sensi della L. 98/2013, art. 31 commi 3 e 8-bis.

Inoltre, in fase di erogazione non dovranno essere destinatari di ingiunzioni di recupero pendente per effetto di una decisione di recupero adottata dalla Commissione europea ai sensi del Reg. (CE) n. 1589/2015 in quanto hanno ricevuto e successivamente non rimborsato o non depositato in un conto bloccato aiuti che lo Stato è tenuto a recuperare in esecuzione di una decisione di recupero adottata dalla Commissione Europea ai sensi del Regolamento (CE) n. 1589/2015.

I soggetti privati beneficiari finali del contributo regionale, dovranno sottoscrivere una dichiarazione ai sensi del D.P.R. 445/2000 che attesti il rispetto dei requisiti di cui sopra.

4. DOTAZIONE FINANZIARIA E SUA RIPARTIZIONE

4.1 DOTAZIONE DI PROVENIENZA REGIONALE

Le risorse complessivamente stanziate per l’iniziativa ammontano a € 37.839,56 stanziate da Regione Lombardia, che residuano a seguito della procedura di assegnazione relativa al precedente bando.

Lo stanziamento è messo a disposizione delle imprese localizzate all’interno del Distretto del Commercio “Malpensa Nord Ticino”, il cui perimetro coincide con l’intero territorio dei comuni di Angera, Golasecca, Mercallo, Mornago, Sesto Calende, Somma Lombardo, Taino, Varano Borghi, Vergiate.

Non è prevista alcuna preventiva ripartizione tra le diverse tipologie di interventi e spese ammissibili individuate e indicate nel dettaglio ai successivi punti 7 e 8 del presente bando.

4.2 DOTAZIONE DI PROVENIENZA COMUNALE

Il Comune di Somma Lombardo ha stanziato ulteriori 20.000 euro, in spesa corrente, da destinare alle micro piccole e medie imprese (MPMI) che hanno unità locale nel perimetro del territorio comunale di Somma Lombardo, per il finanziamento di spese correnti, così come riportate al punto 7 del presente bando.

5. TIPOLOGIA DI PROCEDURA ED ENTITÀ DEL CONTRIBUTO

Il contributo è concesso con procedura automatica, ai sensi dell’art. 4 del D.Lgs. 123/1998. Le domande in possesso dei requisiti di ammissibilità formale sono finanziate in ordine cronologico di ricezione, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria disponibile.

Verranno stilate due graduatorie distinte:

  1. Graduatoria 1: per le imprese che non hanno già beneficiato nell’anno 2020 dei contributi concessi con la prima edizione del bando in oggetto
  2. Graduatoria 2: per le imprese che hanno già beneficiato nell’anno 2020 dei contributi concessi con la prima edizione del bando in oggetto.

Saranno finanziate per prime le domande a valere sulla graduatoria 1 purché in possesso dei requisiti di ammissibilità formale e in ordine cronologico di ricezione, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria; all’ultimo operatore beneficiario potrà essere assegnato un contributo parziale rispetto a quello teoricamente spettante, in funzione del contributo residuo disponibile.

L’importo massimo concesso potrà essere aumentato in caso di disponibilità residua derivante da risorse non assegnate, sempre nel rispetto delle percentuali massime di contribuzione sopra indicate, in ordine cronologico di ricezione delle domande.

A seguire, in caso di risorse residue, verranno finanziate le domande relative alla graduatoria 2, sempre in ordine cronologico di ricezione con lo stesso iter sopra descritto.

5.1 ENTITA’ DEL CONTRIBUTO REGIONALE

L’aiuto è concesso come agevolazione a fondo perduto, a fronte di un budget di spesa liberamente composto da spese in conto capitale e spese di parte corrente.

Il contributo regionale previsto, per le domande ammissibili, sarà pari al 50% della spesa ammissibile totale (in conto capitale e di parte corrente) al netto di IVA, e in ogni caso non superiore all’importo delle spese in conto capitale, sino ad un massimo complessivo per ciascun operatore pari a € 3.500 (Euro tremilacinquecento/00).

5.2. ENTITA’ DEL CONTRIBUTO COMUNE DI SOMMA LOMBARDO

Il contributo integrativo previsto dal Comune di Somma Lombardo per le domande ammissibili, relative solo ad attività con unità locale oggetto degli interventi nel perimetro del territorio comunale, sarà pari al 50% della spesa ammissibile di parte corrente al netto di IVA, sino ad un massimo complessivo per ciascun operatore pari a € 2.000 (duemila/00).

6. INTERVENTI AGEVOLABILI

Sono ammissibili i seguenti interventi:

  1. Avvio di nuove attività del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato all’interno di spazi sfitti o in disuso, anche sfruttando le possibilità di utilizzo temporaneo consentito dalla L.R. 18/2019,  oppure  subentro  di  un  nuovo  titolare  presso  una  attività  esistente,  incluso  il  passaggio generazionale tra imprenditori della stessa famiglia;
  2. Rilancio di attività già esistenti del commercio, della ristorazione, del terziario e dell’artigianato;
  3. Adeguamento strutturale, organizzativo e operativo dell’attività alle nuove esigenze di sicurezza e protezione della collettività e dei singoli consumatori (protezione dei lavoratori, mantenimento delle distanze di sicurezza, pulizia e sanificazione, differenziazione degli orari, ecc.);
  4. Organizzazione di servizi di logistica, trasporto e consegna a domicilio e di vendita online, come parte accessoria di un’altra attività o come attività autonoma di servizio alle imprese, con preferenza per l’utilizzo di sistemi e mezzi a basso impatto ambientale;
  5. Accesso, collegamento e integrazione dell’impresa con infrastrutture e servizi comuni offerti dal Distretto o compartecipazione alla realizzazione di tali infrastrutture e servizi comuni.

Gli interventi ammessi al contributo regionale dovranno interessare un’unità locale localizzata all’interno del perimetro del territorio del Distretto del Commercio. Gli interventi ammessi al contributo di Somma Lombardo dovranno interessare un’unità locale localizzata sul territorio di Somma Lombardo.

7. SPESE AMMISSIBILI E SOGLIE DI AMMISSIBILITÀ

Sono ammissibili le spese al netto di IVA e di altre imposte e tasse, ad eccezione dei casi in cui l’IVA sia realmente e definitivamente sostenuta dal beneficiario e non sia in alcun modo recuperabile dallo stesso, tenendo conto della disciplina fiscale cui il beneficiario è assoggettato.

Sono ammissibili le spese effettivamente sostenute dall’impresa beneficiaria, ritenute pertinenti e direttamente imputabili al progetto e i cui giustificativi di spesa (fatture e pagamenti) decorrano a partire dalla data del 5 maggio 2020 alla data di presentazione della domanda di contributo. Per determinare l’ammissibilità temporale di una determinata spesa, rileva la data di emissione della relativa fattura.

Si precisa che le spese dovranno:

  1. essere intestate al soggetto beneficiario;
  2. aver dato luogo a un’effettiva uscita di cassa da parte del soggetto beneficiario, comprovata da titoli attestanti l’avvenuto pagamento che permettano di ricondurre inequivocabilmente la spesa all’operazione oggetto di agevolazione;
  3. essere pagate tramite titoli idonei a garantire la tracciabilità dei pagamenti (a titolo esemplificativo, tramite  bonifico  bancario  o  postale,  Sepa/Ri.Ba/SDD,  oppure  tramite  assegno  non  trasferibile, bancomat, carta credito aziendale o altri eventuali mezzi considerati tracciabili dalle norme in vigore), accompagnati dall’evidenza della quietanza su conto corrente che evidenzi il trasferimento del denaro tra il soggetto beneficiario e i fornitori. Sono esclusi TASSATIVAMENTE i pagamenti effettuati in contanti e tramite assegno circolare.
  4. essere effettivamente sostenute e quietanzate dall’impresa beneficiaria nel periodo di ammissibilità della spesa previsto dal presente bando;
  5. riportare sui giustificativi di spesa, la dicitura “Spesa finanziata dal bando Distretti del Commercio”. In caso di fatturazione elettronica tali diciture devono essere inserite nello spazio riservato alla descrizione della fattura direttamente dal fornitore. Per le spese sostenute prima della pubblicazione del presente bando da parte del Comune di Somma Lombardo o per le fatture senza dicitura è necessario compilare l’Allegato B denominato “Dichiarazione per fatture senza dicitura”.

Sono escluse le spese regolate attraverso cessione di beni o compensazione di qualsiasi genere tra il beneficiario e il fornitore.

7.1 SPESE AMMISSIBILI E SOGLIE DI AMMISSIBILITÀ DEL CONTRIBUTO REGIONALE

Risultano ammissibili le spese rientranti nel seguente elenco, e per le quali, se necessario, sia stato richiesto o rilasciato il nulla osta/autorizzazione da parte del Comune di localizzazione o in forza di altro titolo autorizzatorio (SCIA, CILA, ecc.):

  1. Spese in conto capitale:
    1. Opere edili private (ristrutturazione, ammodernamento dei locali, lavori su facciate ed esterni ecc.);
    2. Installazione o ammodernamento di impianti;
    3. Arredi e strutture temporanee;
    4. Macchinari, attrezzature ed apparecchi, comprese le spese di installazione strettamente collegate;
    5. Veicoli da destinare alla consegna a domicilio o all’erogazione di servizi comuni;
    6. Realizzazione, acquisto o acquisizione tramite licenza pluriennale di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone, siti web ecc..
  2. Spese di parte corrente:
    1. Spese per studi ed analisi (indagini di mercato, consulenze strategiche, analisi statistiche, attività di monitoraggio ecc);
    2. Materiali per la protezione dei lavoratori e dei consumatori e per la pulizia e sanificazione dei locali e delle merci;
    3. Canoni annuali per l’utilizzo di software, piattaforme informatiche, applicazioni per smartphone, siti web ecc.;
    4. Spese per l’acquisizione di servizi di vendita online e consegna a domicilio;
    5. Servizi per la pulizia e la sanificazione dei locali e delle merci;
    6. Spese per eventi e animazione;
    7. Spese di promozione, comunicazione e informazione ad imprese e consumatori (materiali cartacei, pubblicazioni e annunci sui mezzi di informazione, comunicazione sui social networks ecc.);
    8. Formazione in tema di sicurezza e protezione di lavoratori e consumatori, comunicazione e marketing, tecnologie digitali;
    9. Affitto dei locali per l’esercizio dell’attività di impresa.

L’investimento minimo ammissibile per accedere al contributo regionale è di 1.000 euro, di cui almeno 700 euro riferiti a spese in conto capitale.

7.2 SPESE AMMISSIBILI E SOGLIE DI AMMISSIBILITÀ DEL CONTRIBUTO DEL COMUNE DI SOMMA LOMBARDO

Con riferimento alla dotazione finanziaria aggiuntiva messa a disposizione dal Comune di Somma Lombardo, risultano ammissibili le spese di parte corrente delle medesime tipologie elencate al punto 7.1, lettera B, non finanziate con il contributo regionale e relative ad attività con unità locale oggetto degli interventi nel perimetro del territorio comunale.

L’investimento minimo ammissibile in spesa corrente per accedere alle risorse stanziate dal Comune di Somma Lombardo è di 300 euro.

8. SPESE NON AMMISSIBILI

Sono considerate spese non ammissibili al contributo:

  1. Le spese fatturate da fornitori che si trovino con il cliente in rapporti di controllo, come definiti ai sensi dell’art. 2359 del c.c., o che abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza;
  2. Le spese per l’acquisto di beni usati ovvero per il leasing di impianti, arredi, macchinari, attrezzature e veicoli;
  3. I pagamenti effettuati in contanti, con assegno circolare o tramite compensazione di qualsiasi tipo tra cliente e fornitore;
  4. Le spese per servizi continuativi, periodici o connessi ai normali costi di funzionamento del soggetto beneficiario o partner (come la consulenza fiscale ordinaria e i servizi regolari), se non esplicitamente ammesse;
  5. Le spese per la gestione ordinaria dell’attività di impresa, ad esempio: materiali di consumo e minuterie, cancelleria, scorte di materie prime, semilavorati, utenze;
  6. Le spese per l’installazione degli apparecchi da gioco d’azzardo lecito;
  7. Le spese di viaggio (trasferta, vitto e alloggio);
  8. I lavori in economia;
  9. Le spese per il personale;
  10. Qualsiasi forma di autofatturazione;
  11. Ogni ulteriore spesa non espressamente indicata nell’elenco delle spese considerate ammissibili, anche se parzialmente e/o totalmente attribuibili all’intervento.

È fatto divieto di cumulo degli aiuti con altri aiuti concessi per le stesse spese ammissibili.

9. MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

Per presentare domanda, le imprese dovranno utilizzare esclusivamente la modulistica allegata, scaricabile dal sito del Comune di Somma Lombardo o dai siti degli altri Comuni del Distretto del Commercio.

Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 11.00 del 15 ottobre 2021 fino a esaurimento delle risorse stanziate e comunque entro e non oltre le ore 13.00 del 28 ottobre 2021.

La domanda (Allegato A) dovrà essere, a pena di esclusione, sottoscritta dove richiesto, debitamente compilata in ogni sua parte, corredata da:

  1. Copia carta d’identità in corso di validità e Codice Fiscale del legale rappresentante (sottoscrittore);
  2. documenti validi ai fini fiscali (es. fatture/ricevute) delle spese sostenute dall’impresa beneficiaria del contributo. Tutta la documentazione deve rispettare le specifiche indicate al precedente punto 7 tra cui la dicitura “Spesa finanziata dal bando Distretti del Commercio”;
  3. documenti che consentano la tracciabilità dei pagamenti (es. bonifico bancario, copia assegno) e relativo estratto conto su carta intestata della banca che attesti l’avvenuto pagamento da parte dell’impresa beneficiaria del contributo dei singoli pagamenti. Tutta la documentazione deve rispettare le specifiche indicate al precedente punto 7;
  4. l’Allegato B per le spese sostenute prima della pubblicazione del presente bando da parte del Comune di Somma Lombardo e per le fatture che non riportano la dicitura “Spesa finanziata dal bando Distretti del Commercio”.

Non è richiesta la sottoscrizione dei documenti con firma digitale.

La documentazione dovrà essere trasmessa esclusivamente tramite PEC all’indirizzo: suap@sommalombardo.legalmail.it indicando come oggetto “Bando Distretti del Commercio – Domanda di contributo”.

Farà fede quale data di ricevimento, l’attestazione temporale risultante dalla ricevuta di consegna rilasciata dal gestore PEC del Comune di Somma Lombardo.

Le domande pervenute oltre il termine massimo previsto e su indicato non verranno ammesse.

Ogni impresa potrà presentare una sola domanda per unità locale. Qualora il medesimo soggetto presenti più di una domanda per la medesima unità locale, sarà considerata valida solo ed esclusivamente l’ultima domanda in ordine di protocollo di registrazione del Comune di Somma Lombardo, e tutte le domande precedenti verranno automaticamente annullate.

10. ISTRUTTORIA DELLE DOMANDE E CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI

L’istruttoria delle domande di partecipazione al presente bando viene realizzata con una procedura a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Verranno stilate due graduatorie distinte:

  1. Graduatoria 1: per le imprese che non hanno già beneficiato nell’anno 2020 dei contributi concessi con la prima edizione del bando in oggetto
  2. Graduatoria 2: per le imprese che hanno già beneficiato nell’anno 2020 dei contributi concessi con la prima edizione del bando in oggetto.

Saranno finanziate per prime le domande a valere sulla graduatoria 1 purché in possesso dei requisiti di ammissibilità formale e in ordine cronologico di ricezione, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria; all’ultimo operatore beneficiario potrà essere assegnato un contributo parziale rispetto a quello teoricamente spettante, in funzione del contributo residuo disponibile.

L’importo massimo concesso potrà essere aumentato in caso di disponibilità residua derivante da risorse non assegnate, sempre nel rispetto delle percentuali massime di contribuzione sopra indicate, in ordine cronologico di ricezione delle domande.

Solo nel caso in cui a completamento dell’istruttoria delle domande che non hanno già beneficiato nell’anno 2020 dei contributi concessi con la prima edizione del bando in oggetto (Graduatoria 1) dovessero residuare ancora risorse, lo stesso iter sopra descritto sarà seguito anche per effettuare l’istruttoria delle domande presentate da imprese che hanno già beneficiato nell’anno 2020 dei contributi concessi con la prima edizione del bando in oggetto.

Le domande saranno verificate in base alla regolarità formale, alla completezza della documentazione allegata, al possesso dei requisiti da parte dei richiedenti, alla compatibilità degli interventi con le prescrizioni indicate nel presente bando, al rispetto dei termini e delle modalità di partecipazione previste dal bando.

L’istruttoria sarà svolta entro il 20 novembre 2021. Il Comune di Somma Lombardo si riserva la facoltà di richiedere mediante PEC i chiarimenti e le integrazioni documentali che si renderanno necessari. I termini per la risposta specificati nella richiesta non potranno essere superiori a 10 (dieci) giorni solari dalla data della richiesta. La mancata risposta del soggetto richiedente entro il termine stabilito costituisce causa di non ammissibilità formale dell’intera domanda.

A tutte le imprese che avranno presentato domanda sarà inviata specifica comunicazione.

Il Comune di Somma Lombardo si riserva la facoltà di procedere a quest’ultima assegnazione a tutti gli aventi diritto in un’unica soluzione al termine dell’intera procedura.

Si rende noto che avverso il provvedimento di concessione dei contributi è ammessa istanza di revisione da presentarsi al Settore Sportello Unico Attività Produttive del Comune di Somma Lombardo entro 15 giorni dalla data di pubblicazione del provvedimento all’Albo Pretorio del Comune di Somma Lombardo, sull’istanza il Comune si pronuncia entro i successivi 15 giorni e l’esito della stessa è pubblicato nel medesimo giorno.

11. EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI

Il contributo sarà assegnato entro il 31 dicembre 2021.

Il Comune di Somma Lombardo effettuerà l’erogazione previa verifica della regolarità dei versamenti contributivi (a mezzo DURC).

Il documento di regolarità contributiva (DURC) in corso di validità è acquisito d’ufficio dal Comune, presso gli enti competenti, in base a quanto stabilito dall’art. 6 del Decreto del 30.01.2016 del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali (G.U. Serie Generale n. 125 del 1.6.2016).

In caso di accertata irregolarità in fase di erogazione, verrà trattenuto l’importo corrispondente all’inadempienza e versato agli enti previdenziali e assicurativi (D. L. n. 69/2013, art. 31 commi 3 e 8- bis).

12. OBBLIGHI DEI SOGGETTI BENEFICIARI

I soggetti beneficiari sono obbligati, pena la decadenza del contributo, a:

  1. ottemperare alle prescrizioni contenute nel presente bando;
  2. assicurare la puntuale realizzazione degli interventi in conformità alle richieste di contributo presentate ed entro i termini stabiliti dal presente Bando e dai relativi provvedimenti di concessione del contributo;
  3. fornire, nei tempi e nei modi previsti dal bando e dagli atti conseguenti, tutta la documentazione e le informazioni eventualmente richieste;
  4. non avere già beneficiato di altri aiuti pubblici a valere sulle medesime spese e/o sul medesimo progetto presentato;
  5. mantenere la destinazione d’uso dei beni, opere ed immobili rispetto ai quali è stato concesso il contributo regionale per almeno 5 (cinque) anni dalla data di concessione del contributo stesso;
  6. non cedere, alienare o distrarre i beni oggetto del contributo regionale, per un periodo di almeno 5 anni dalla data di erogazione del contributo;
  7. conservare per un periodo di almeno 5 (cinque) anni a decorrere dalla data di erogazione del saldo del contributo la documentazione tecnica, amministrativa e contabile (compresa la documentazione originale di spesa) relativa all’intervento agevolato;
  8. assicurare la copertura finanziaria per la parte di spese non coperte dal contributo;
  9. accettare i controlli che Regione Lombardia e gli altri soggetti preposti potranno disporre in relazione al progetto e collaborare al loro corretto svolgimento.

13. DECADENZA, REVOCHE, RINUNCE DEI SOGGETTI BENEFICIARI

Il contributo concesso in attuazione del presente bando viene revocato qualora:

  1. non vengano rispettati gli obblighi previsti dal bando e dagli atti a questi conseguenti, ovvero nel caso in cui l’investimento realizzato non sia conforme, nel contenuto e nei risultati conseguiti, all’investimento ammesso a contributo;
  2. sia riscontrata la mancanza o il venir meno dei requisiti di ammissibilità sulla base dei quali è stata approvata la domanda di contributo;
  3. sia accertato il rilascio di dichiarazioni ed informazioni non veritiere, sia relativamente al possesso dei requisiti previsti dal bando sia in fase di realizzazione e rendicontazione degli investimenti, sia rispetto alle dichiarazioni de minimis (Regolamento UE n.1407/2013);
  4. si rinunci al contributo ovvero alla realizzazione dell’investimento dandone comunicazione al Comune di Somma Lombardo mediante raccomandata o PEC.

In caso di revoca del contributo e qualora sia già stata erogata quota parte dello stesso, i beneficiari devono restituire, entro 30 (trenta) giorni solari consecutivi dalla notifica del provvedimento di revoca, la somma ricevuta, incrementata da un interesse pari al tasso legale in vigore alla data di assunzione del provvedimento di revoca.

La restituzione avverrà con le modalità ed i tempi indicati nel provvedimento di revoca e contestuale richiesta di restituzione del contributo.

14. ISPEZIONI E CONTROLLI

Il Comune di Somma Lombardo e Regione Lombardia possono disporre in qualsiasi momento ispezioni, anche a campione, allo scopo di verificare l’effettiva fruizione dei servizi e l’effettivo acquisto dei beni oggetto dell’agevolazione, il rispetto degli obblighi previsti dal presente bando, la veridicità delle dichiarazioni e delle informazioni prodotte dal soggetto beneficiario, anche ai fini dei controlli “de minimis”, la sussistenza e la regolarità della documentazione amministrativa e contabile relativa alle attività realizzate e alle spese sostenute.

15. RIFERIMENTI NORMATIVI

Il bando è redatto nel rispetto di quanto previsto dal bando di Regione Lombardia «Distretti del commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana» (ex D.d.u.o. 29 maggio 2020 – n. 6401) e delle seguenti normative:

Normativa dell’Unione Europea

  1. Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea agli aiuti “de minimis”;
  2. Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato, relativamente all’Allegato 1 “Definizione di PMI”;
  3. Comunicazione C (2020) 1863 final della Commissione del 19 marzo 2020 recante il “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19” e s.m.i.

Normativa nazionale:

  1. Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 31 maggio 2017, n. 115, “Regolamento recante la disciplina per il funzionamento del Registro nazionale degli aiuti di Stato, ai sensi dell’articolo 52, comma 6, della legge 24 dicembre 2012 n. 234 e successive modifiche ed integrazioni”.

Normativa regionale:

  1. Legge regionale 2 febbraio 2010, n. 6 “Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere” e s.m.i.;
  2. Legge regionale 4 maggio 2020, n. 9 “Interventi per la ripresa economica”;
  3. Deliberazione di Giunta regionale 28 ottobre 2009 n. 10397 “Modalità per l’individuazione degli ambiti territoriali – Distretti del commercio – ai sensi dell’articolo 4 bis della l.r. n. 14/1999”;
  4. Deliberazione di Giunta regionale 2 luglio 2019 n. 1833 “Determinazioni in merito alla verifica del mantenimento dei requisiti previsti e alla costituzione dell’elenco dei distretti del commercio lombardi individuati ai sensi della d.g.r. 10397 del 28 ottobre 2009”;
  5. Deliberazione di Giunta regionale 5 maggio 2020 n. 3100 “Approvazione dei criteri per l’emanazione del bando ‘Distretti del Commercio per la ricostruzione economica territoriale urbana’”.

16. REGIME DI AIUTO

Le agevolazioni previste saranno concesse ed erogate alle imprese beneficiarie nei limiti previsti dal Regolamento (UE) n. 1407 del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sugli aiuti de minimis.

17. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Ufficio e responsabile del procedimento: Comune di Somma Lombardo Ufficio – Sportello Unico Attività Produttive – Responsabile Raffaele Giuseppe Chiarelli.

Responsabile del provvedimento: Responsabile del Settore SUAP Annachiara Affaitati. Ufficio in cui si può prendere visione degli atti: Sportello Unico Attività Produttive.

Qualsiasi informazione relativa al bando e agli adempimenti ad esso connessi potrà essere richiesta contattando il Servizio Assistenza sul Bando all’indirizzo email: malpensanord@gmail.com

18. TRATTAMENTO DATI PERSONALI

Si informa che, ai sensi delle vigenti normative in tema di tutela dei dati personali (GDPR), i dati acquisiti in esecuzione del presente bando verranno utilizzati esclusivamente per le finalità relative al procedimento amministrativo per il quale gli anzidetti vengono comunicati.

La titolarità di questi trattamenti è dell’Amministrazione Comunale di Somma Lombardo. Ogni singolo trattamento sarà eseguito sotto la responsabilità diretta di soggetti, a ciò appositamente designati a mente dell’art. 2-quaterdecies del D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali, recante disposizioni per l’adeguamento dell’ordinamento nazionale al regolamento (UE) n. 2016/679 del

Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE, come modificato dal D.Lgs. n. 101/2018.

L’Amministrazione ha nominato un Responsabile Comunale della Protezione dei Dati Personali: tutte le informazioni in merito sono pubblicate sul sito del Comune – https://www.comune.sommalombardo.va.it/

19. PUBBLICAZIONE E INFORMAZIONI

Il presente bando e la domanda di ammissione sono pubblicati all’Albo Pretorio e sul sito istituzionale del Comune di Somma Lombardo – https://www.comune.sommalombardo.va.it/

ELENCO ALLEGATI

  • ALLEGATO A – MODULO DI DOMANDA
  • ALLEGATO B – DICHIARAZIONE PER FATTURE SENZA DICITURA

Il Responsabile del Settore Sportello Unico Attività Produttive
Dott.ssa Annachiara AFFAITATI

Allegati